Arpino in festa per un viaggio indietro nel tempo

Arrivo del trenoIl 4 Novembre scorso, dopo dodici anni di inattività, i binari della linea ferroviaria che collega la Marsica alla Ciociaria sono stati solcati dall’ imponente treno a vapore Tv 640, rievocando lo storico tratto con servizio passeggeri. L’evento organizzato dal “ Comitato Interregionale Salviamo la Ferrovia Avezzano-Roccasecca” e dalle Ferrovie dello Stato, patrocinato dai Comuni attraversati, compreso quello di Arpino, ha visto una grande festa soprattutto per bambini, ragazzi e studenti che mai avevano visto, se non sui libri,una vettura d’epoca che richiama alla mente il mito del viaggio, quello dei pionieri, e la rivoluzione industriale.

Il treno partito da Avezzano alle ore 9,00 è arrivato ad Arpino alle ore 12,15, ad aspettare il treno, oltre ad un centinaio di cittadini che hanno partecipato entusiasti alla cerimonia di accoglienza, c’era a fare gli onori di casa, con la fascia tricolore e il Gonfalone, il sindaco Renato Rea e tutta l’amministrazione, i soci dell’Associazione Arma Aeronautica con il Labaro ed il presidente di sezione Col. Giorgio Rea e la banda cittadina.

Il treno in sosta, con le antiche carrozze, è stato letteralmente preso d’assalto dai tanti presenti, mentre i viaggiatori hanno approfittato della sosta per scendere e partecipare alla grande festa. La Avezzano – Roccasecca è una ferrovia importante di 80 chilometri distribuiti in quartodici fermate, con una lunga storia partita agli inizi degli anni ottanta dell’Ottocento e conclusasi, dopo vent’anni di lavori per tante difficoltà, dovute anche alle asperità del tracciato, il 20 agosto del 1902.

Finalmente la Marsica era collegata con le zone a sud di Roma. L’evento per l’arrivo dell’antica vaporiera, ha catapultato i presenti nel 1800 creando entusiasmo e anche un pò di commozione, ma soprattutto un grande successo di pubblico che ha ridato alla tratta Avezzano – Roccasecca la sua storia e il suo futuro.

Presentazione del libro: Arpino – Ricerca sulle origini della città e dei suoi più antichi abitanti

presentazione libroIl 6 Settembre la Sezione di Arpino, in seno alle attività culturali in programmazione nella propria città, ha patrocinato, insieme al Comune e all’Associazione “Ex alunni ed amici del Tulliano”, la presentazione del libro in oggetto che si è svolta nella sala di rappresentanza del Palazzo Ducale Boncompagni, in piazza Municipio.

L’incontro si è aperto con i saluti del sindaco Avv. Renato Rea, del consigliere regionale On. Teresa Petrangolini, del presidente dell’Ass. “ Ex alunni ed amici del Tulliano” Prof. Loreto Marco D’Emilia e del Presidente di Sezione Col. Giorgio Rea. I lavori sono stati coordinati dal prof. Carlo Palleschi, mentre gli interventi sono stati affidati allo storico dell’Alta Terra di Lavoro Prof. Eugenio Maria Beranger, allo scrittore Igino Colonnelli ed all’autore del libro Dante Reale.

Il volume che è stato presentato racchiude una ricerca storica, in cui l’aspetto più rilevante e originale sta nella volontà di indagare le origini di Arpino nel più ampio contesto storico delle popolazioni preromane dell’Italia centrale. Ricostruendo le origini e gli spostamenti dei popoli discendenti dagli Osci, dai conflitti con gli Etruschi fino alle guerre con la nascente potenza di Roma, l’autore ci racconta una storia complessa e appassionante, che è stata anche la storia di Arpino, che da roccaforte dei Volsci e dei Sanniti divenne infine municipio romano.

La conclusione degli interventi è stata fatta dall’Assessore alla cultura Dott.ssa Rachele Martino, in presenza di un folto ed erudito pubblico, proveniente anche dalle Marche, regione in cui risiede da tantissimi anni l’autore. Infatti Dante Reale, nativo di Arpino, dopo un’esperienza pluridecennale svolta come tecnico del Gruppo Eni, nella progettazione e costruzione di metanodotti realizzati in Europa ed in Africa, di cui era Responsabile delle Commesse, appena ha smesso il lavoro attivo si è dedicato al volontariato nell’Associazione Cittadinanza Attiva di cui è stato componente della Direzione e segretario regionale delle Marche. A conclusione dell’incontro sono stati consegnati ai graditi ospiti, omaggi floreali alle signore, oggetti ricordo e varie pubblicazioni. A tutto il pubblico presente all’incontro è stato offerto una copia del volume.

Continua il successo della mostra organizzata dalla Sezione di Arpino

mostra continua con successoIl 10 Maggio la Sezione di Arpino, in occasione del Bicentenario della fondazione del “Collegio Tulliano” e della XXXIV Edizione del Certamen Ciceronianum Arpinas, ha inaugurato una mostra a carattere aeronautico, dove sono stati esposti documenti storici, cimeli, divise, combinazioni di volo ed una collezione di aeromodellismo, rappresentativa di tutti i velivoli in dotazione alla nostra Forza Armata dalla sua Costituzione.

La mostra è stata inaugurata dal Sindaco di Arpino Avv. Renato Rea, dalla Dott.ssa Gasbarra funzionaria delle Poste Italiane, dal Dirigente Scolastico Prof. Bove, dal Presidente dell’Associazione Col. Rea e dal Presidente dell’Associazione “ Ex Alunni ed Amici del Tulliano” Prof. D’Emilia, organizzatore dell’evento. La cerimonia , alla quale hanno partecipato numerose autorità, civili e militari, e un folto pubblico, è stata preceduta da interventi sull’importanza storica e culturale che il Tulliano ha svolto nei due secoli di attività didattica ed educativa sul territorio.

A conclusione il Presidente della Sezione Col. Rea è intervenuto illustrando il ruolo che l’associazione svolge in ambito locale, nel promuovere e partecipare con altre realtà all’organizzazione di eventi di spessore che abbiano un contenuto culturale, storico e artistico, in grado di richiamare l’interesse della cittadinanza.

Infine ha introdotto la mostra aeronautica, allestita per l’occorrenza, nel Palazzo Boncompagni in Piazza Municipio ed ha guidato gli intervenuti al convegno ad una visita che ha riscosso notevole interesse, soprattutto dagli studenti del liceo presenti alla manifestazione.

Inaugurazione mostra Aeronautica Sezione di Arpino

Inaugurazione mostra da sx a dx Sindaco, dott.ssa Gasbarra, prof. D'Emilia, Prof. Bove e Col. ReaIl 10 Maggio la Sezione di Arpino, in occasione del Bicentenario della fondazione del “Collegio Tulliano” e della XXXIV Edizione del Certamen Ciceronianum Arpinas, ha inaugurato una mostra a carattere aeronautico, dove sono stati esposti documenti storici, cimeli, divise, combinazioni di volo ed una collezione di aeromodellismo, rappresentativa di tutti i velivoli in dotazione alla nostra Forza Armata dalla sua Costituzione.

La mostra è stata inaugurata dal Sindaco di Arpino Avv. Renato Rea, dalla Dott.ssa Gasbarra funzionaria delle Poste Italiane, dal Dirigente Scolastico Prof. Bove, dal Presidente dell’Associazione Col. Rea e dal Presidente dell’Associazione “ Ex Alunni ed Amici del Tulliano” Prof. D’Emilia, organizzatore dell’evento.

La cerimonia , alla quale hanno partecipato numerose autorità, civili e militari, e un folto pubblico, è stata preceduta da interventi sull’importanza storica e culturale che il Tulliano ha svolto nei due secoli di attività didattica ed educativa sul territorio. A conclusione il Presidente della Sezione Col. Rea è intervenuto illustrando il ruolo che l’associazione svolge in ambito locale, nel promuovere e partecipare con altre realtà all’organizzazione di eventi di spessore che abbiano un contenuto culturale, storico e artistico, in grado di richiamare l’interesse della cittadinanza. Infine ha introdotto la mostra aeronautica, allestita per l’occorrenza, nel Palazzo Boncompagni in Piazza Municipio ed ha guidato gli intervenuti al convegno ad una visita che ha riscosso notevole interesse, soprattutto dagli studenti del liceo presenti alla manifestazione.

La mostra che rimarra’ aperta ufficialmente fino al 2 giugno, prevede un vasto afflusso di visitatori italiani e stranieri.

Incontro sul tema Volontariato perché? Responsabilità sociale e Servizio cristiano

testo altL’ 11 Agosto la Sezione di Arpino ha organizzato, nell’ambito delle sue attività socio-culturali, presso l’auditorium “Pietro Cossa”, nel centro storico della città, un incontro sul tema “Volontariato perché? – Responsabilità sociale e Servizio cristiano”. con il Diacono Bruno Martino, presidente della Fondazione Pirani-Cremona di Bassano del Grappa, fondata nel 1750, uno degli enti storici più importanti del Nord-Est d’Italia, che si occupa di accoglienza di minori e delle loro problematiche.

Dopo il saluto del Sindaco Fabio Forte, il presidente Col. Giorgio Rea ha presentato l’incontro tracciando con un profilo sintetico ed efficace la personalità del relatore,definendola ricca di intelligenza e di cuore, mettendo in evidenza la sua vasta e polivalente attività, che va dall’amore per la natura all’ecologia, dalla poesia alla narrativa, esprimendo una straordinaria capacità di organizzazione culturale e sociale.
Nella conferenza sono stati trattati diversi progetti che la fondazione ha realizzato sul proprio territorio, illustrati da una ricca documentazione fotografica riguardanti: sentieri natura per disabili, case famiglia per minori allontanati dalle famiglie, comunità per mamme in difficoltà, fattorie sociali per persone con disabilià.

La presenza del presidente della Caritas Don Antonio Di Lorenzo e di molti presidenti di associazioni di volontariato, circoli culturali, protezione civile e una grande partecipazione di soci e cittadini, hanno intavolato un dibattito, che ha reso la serata interessante e sicuramente ha favorito l’acquisizione di nuove idee ed esperienze che saranno motivo di crescita per il volontariato locale e per le giovani generazioni. L’incontro si è concluso con uno scambio di oggetti ricordo.

Nella foto da sinistra Don Bruno Martino, Col. Giorgio Rea e il Sindaco Fabio Forte.