La Polizia di Stato festeggia il Patrono ad Arpino

Foto di GruppoLa città di Arpino ha accolto la mattina del 29 settembre 2015, le donne e gli uomini della Polizia di Stato della provincia di Frosinone, che nella splendida cornice della chiesa di San Michele hanno celebrato la ricorrenza del Santo Patrono.

Il Questore Santarelli, accolto dal Sindaco Rea, hanno fatto gli onori di casa, ricevendo il Prefetto Dott.ssa Zarrilli, i Comandanti Provinciali delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate, erano presenti anche gli studenti del Liceo Tulliano e dell’Istituto per Chimici insieme ad un folto numero di cittadini che hanno voluto testimoniare la loro vicinanza alla Polizia di Stato.

Inoltre hanno partecipato con i loro Labari, l’Associazione Nazionale Polizia di Stato e l’Associazione Arma Aeronautica Sezione di Arpino. La S. Messa è stata celebrata da Mons. Antonazzo, Vescovo di Sora che nell’omelia ha voluto sottolineare la figura del Patrono l’Arcangelo S. Michele, come emblema della vittoria del bene sul male, compito al quale sono chiamati tutti i giorni coloro che indossano una divisa. Particolarmente toccante il momento della lettura della Preghiera del Poliziotto, che ha coinvolto emotivamente, anche i familiari presenti alla cerimonia, di coloro che non ci sono più.

Al termine della S. Messa in Piazza Municipio si è esibita l’Orchestra da Camera di Frosinone con musiche di Mozart e Morricone. L’evento è stato accolto dal Sindaco e dalla cittadinanza con una calorosa partecipazione, mostrando un grande sensibità e senso civico.

70° Anniversario Caduti sul Fronte Anzio-Nettuno e Roma-Cassino

Giornata dedicata alle Associazioni Combattentistiche e d’Arma in ricordo dei Caduti sul Fronte Anzio-Nettuno- Roma-Cassino nel 70° Anniversario, svoltasi a Piana delle Orme il 13 Settembre 2014.

La manifestazione ha visto anche la partecipazione dei Gonfaloni dei Comuni della Provincia di Latina a commemorazione degli eventi che hanno caratterizzato la nostra storia in onore delle nostre Forze Armate e in ricordo della storia del nostro territorio.

 

Arpino in festa per un viaggio indietro nel tempo

Arrivo del trenoIl 4 Novembre scorso, dopo dodici anni di inattività, i binari della linea ferroviaria che collega la Marsica alla Ciociaria sono stati solcati dall’ imponente treno a vapore Tv 640, rievocando lo storico tratto con servizio passeggeri. L’evento organizzato dal “ Comitato Interregionale Salviamo la Ferrovia Avezzano-Roccasecca” e dalle Ferrovie dello Stato, patrocinato dai Comuni attraversati, compreso quello di Arpino, ha visto una grande festa soprattutto per bambini, ragazzi e studenti che mai avevano visto, se non sui libri,una vettura d’epoca che richiama alla mente il mito del viaggio, quello dei pionieri, e la rivoluzione industriale.

Il treno partito da Avezzano alle ore 9,00 è arrivato ad Arpino alle ore 12,15, ad aspettare il treno, oltre ad un centinaio di cittadini che hanno partecipato entusiasti alla cerimonia di accoglienza, c’era a fare gli onori di casa, con la fascia tricolore e il Gonfalone, il sindaco Renato Rea e tutta l’amministrazione, i soci dell’Associazione Arma Aeronautica con il Labaro ed il presidente di sezione Col. Giorgio Rea e la banda cittadina.

Il treno in sosta, con le antiche carrozze, è stato letteralmente preso d’assalto dai tanti presenti, mentre i viaggiatori hanno approfittato della sosta per scendere e partecipare alla grande festa. La Avezzano – Roccasecca è una ferrovia importante di 80 chilometri distribuiti in quartodici fermate, con una lunga storia partita agli inizi degli anni ottanta dell’Ottocento e conclusasi, dopo vent’anni di lavori per tante difficoltà, dovute anche alle asperità del tracciato, il 20 agosto del 1902.

Finalmente la Marsica era collegata con le zone a sud di Roma. L’evento per l’arrivo dell’antica vaporiera, ha catapultato i presenti nel 1800 creando entusiasmo e anche un pò di commozione, ma soprattutto un grande successo di pubblico che ha ridato alla tratta Avezzano – Roccasecca la sua storia e il suo futuro.