Stellingwerff, un isolano primatista mondiale

Questo il tema dell’interessante convegno che si è tenuto sabato 24 novembre, con inizio alle ore 17.30, presso il teatro comunale di Isola Liri – piazza Gregorio VII, alla presenza di autorità civili, militari e religiose del territorio.Il convegno si è svolto con la collaborazione dell’Associazione Arma Aeronautica – Sezione di Arpino, con il Presidente in veste di relatore ed una cospicua rappresentanza di soci in divisa.

Dopo i saluti introduttivi sono state presentate ben quattro relazioni. La prima a cura del Tenente Colonnello dell’Esercito Carlo Venditti su: “I valorosi Fernando e Giuseppe StellingWerff “, la seconda dell’architetto Anna Schirato, discendente del Ten. Pilota Guido Stellingwerff, sull’ingegner Giuseppe Stellingwerff, la terza del colonnello Giorgio Rea, presidente della Sezione di Arpino, su: “L’importanza storica dell’aviazione italiana dal 1919 al 1939”. La quarta e ultima relazione è stata presentata dal vice presidente della Pro Loco  Riziero Capuano, organizzatore del convegno.

Nel corso della serata, la signora Lietta Picone, nipote del Ten. Stellingwerff, ha portato e mostrato la medaglia del record del nonno Guido, ricevuta dal Ministero dell’ Aeronautica per il “ Primato internazionale di velocità su 1000 km per aeroplani leggeri 1^ Cat. – 310,999 Km/h – datata 17 luglio 1936.

Grande commozione ha destato il dono che ha lasciato alla collettività isolana, una coppa consegnata al moto club Franco Mancini con la promessa di riproporre il trofeo Stellingwerff interrotto nel 1939.Il 2019 quindi sarà l’anno in cui il prestigioso premio sarà assegnato nel corso del campionato europeo di cronoscalata Poggio – Vallefredda. Una iniziativa decisamente interessante dal valore storico e culturale, che ha portato alla luce un pezzo di storia poco conosciuto e che ha destato l’interesse e l’attenzione di molte persone presenti.

Gran Concerto serale della Banda Musicale dell’Aeronautica Militare

Il Comune di Arpino, in collaborazione con l’Associazione Arma Aeronautica  – Sezione di Arpino, ha organizzato un concerto serale della Banda Musicale dell’Aeronautica Militare, diretta dal M.° Col. Patrizio Esposito, che si è tenuto venerdì 13 luglio 2018, in piazza Municipio con inizio alle ore 21,00.

L’evento è stato possibile grazie al contributo dello Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, nell’ ambito  del “ 150° anniversario della morte dell’insigne musicista arpinate, Carlo Conti  e del 10° anniversario della costituzione della A.A.A. – Sezione di Arpino “.

Il concerto si è svolto secondo il seguente programma:

  • V. Bellini Norma – Ouverture
  • M. Ellerby – Paris Sketches
  • G. Rossini – Guglielmo Tell – Ouverture
  • L. Bernstein – West side Story (songs)
  • B. Goodman – Goodman Memories
  • A. Marquez – Danzon n.2

ed è stato preceduto in apertura dalla tradizionale Marcia d’ordinanza dell’Aeronautica Militare e si è concluso con l’esecuzione dell’Inno Nazionale  di Mameli. Alla serata hanno partecipato Autorità civili, militari e religiose, rappresentanti dell’associazioni combattentistiche e d’arma, ed un folto pubblico di appassionati che hanno creato la giusta cornice ad una serata, che è stata  emozionante e suggestiva, grazie alla magistrale direzione del M.° Esposito e all’impeccabile esecuzione dei brani in programma.

CARLO VENDITTI PRESENTA IL LIBRO “ Ennio Bianchi Una Vita Spezzata”

Il 17 Marzo 2018 alle ore 17,30, presso il Centro Polifunzionale di Fontana Liri, il T.Col. Carlo Venditti ha presentato il libro “ Ennio Bianchi Una Vita Spezzata ” – La guerra di Spagna nelle foto di un aviere fontanese – La presentazione è stata preceduta dalla Presidente della Pro Loco di Fontana Liri  Sig.ra Marina Veglianti, che dopo i saluti di benvenuto e i ringraziamenti all’autore e alle autorità presenti, ha lasciato la parola al Sindaco della Città, per un intervento di saluto. Subito dopo ha preso la parola  il relatore dott. Edoardo Grassia, storico, che nell’illustrare il contenuto, ha messo in evidenza le varie sfaccettature utilizzate dall’autore nel descrivere la breve vita del soggetto,  incastellandola in un contesto geo-politico locale e nazionale, che richiamato in alternanza, facevano da cornice alle vicissitudini del Bianchi, fino alla sua morte.

L’intervento del giornalista Pizzuti, del Messaggero, è stato rivolto soprattutto a mettere in evidenza la bravura dell’autore nel cogliere gli aspetti  emotivi, che la storia di questo aviere ha saputo trasmettere attraverso la documentazione fotografica, che la famiglia ha saputo custodire per tutti questi anni e la ricerca storica negli archivi, che gli hanno permesso di ricostruire alcuni episodi bellici.

Al termine della presentazione l’autore, dopo aver risposto alle domande dei presenti, ha ringraziato la nipote dell’aviere  Bianchi, presente in sala, esprimendo grande soddisfazione per il successo ricevuto, soprattutto per la grande partecipazione di pubblico e l’apprezzamento da parte dei media.  La serata si è conclusa con i  ringraziamenti da parte dell’autore  e del moderatore all’Associazione Arma Aeronautica Sezione di Arpino e Frosinone, per la sensibile collaborazione espressa.

VISITA DI S.E. MONS. VINCENZO PAGLIA ALLA MOSTRA AERONAUTICA DELLA SEZIONE DI ARPINO

Il 7 gennaio 2018, in occasione di una visita privata ad Arpino, S.E. l’arcivescovo Mons. Vincenzo Paglia, Presidente della Pontificia Accademia per la vita e Gran Cancelliere del Pontificio istituto Giovanni Paolo II, accompagnato dal Sindaco, ha visitato la mostra a carattere aeronautico, allestita dalla Sezione nelle sale del Palazzo Ducale Boncompagni, in Piazza Municipio. Ad accogliere Mons. Paglia il Presidente Col. Giorgio Rea e alcuni componenti del Direttivo. Mons. Paglia durante  la visita ha chiesto informazioni su alcuni tipi di velivoli riprodotti in scala, nella sala di aeromodellismo, dimostrando un grande interesse,  anche   su alcuni cimeli e documenti storici ben conservati. Molto gradita la presenza di una statuetta della Madonna di Loreto esposta nell’area riservata alla Sezione. Dopo aver espresso compiacimento per l’esposizione e per le attività che la Sezione svolge sul territorio, ha voluto sottolineare  l’interesse che la mostra  susciterà sicuramente sul mondo giovanile, ritenendola  molto attrattiva e ben fornita di documentazione e materiale aeronautico. Al termine della visita Mons. Paglia ha voluto testimoniare la sua presenza, apponendo la propria firma sul registro dei visitatori.